logo meridiana

logo meridiana

venerdì 13 gennaio 2017

“PRANZO PARTIGIANO" 22 Gennaio 2017 Anpi Paderno Dugnano


Riceviamo da Anpi Paderno Dugnano e con molto piacere pubblichiamo:

   Quest’anno proprio per il rispetto delle sensibilità di tutti, l’ANPI ha posticipato il pranzo partigiano a gennaio. L’argomento di approfondimento, come accennato in precedenza, sarà quello dei militari internati IMI, passaggio dovuto per dare il giusto valore politico a questa parte di storia. Per ovvie ragioni organizzative vi sollecitiamo la prenotazione . Ricordiamo che il consueto appuntamento conviviale, unito ad approfondimenti culturali, stimola il confronto ed a conoscerci meglio.


Qui di seguito la locandina con le informazioni per prenotare e con il programma.



mercoledì 11 gennaio 2017

“INFRASTRUTTURA VERDE” UN PROGETTO CHE DA OSSIGENO ALLA CITTA' DI PADERNO DUGNANO

IN ATTESA DELLA DELIBERA PROMESSA CHE PERMETTEREBBE AL PROGETTO  “INFRASTRUTTURA VERDE” DI PROSEGUIRE NEL SUO ITER 

Pubblichiamo questo video con alcune note informative in merito 
al progetto di mitigazione ambientale:
"INFRASTRUTTURA VERDE".
(Le note informative sono state rese pubbliche nella pagina facebook 
del CCIRM - Comitato Cittadini Interramento Rho Monza)

“INFRASTRUTTURA VERDE” 
Un progetto che parla di tutela della salute e del paesaggio, in grado di contrastare con efficacia le emissioni inquinanti, l’impatto visivo e acustico della nuova autostrada Rho Monza a Paderno Dugnano, almeno nelle parti di territorio dove questo è ancora possibile.

venerdì 6 gennaio 2017

MITIGAZIONI AMBIENTALI RHO MONZA : I CITTADINI SONO IN ATTESA DELLA DELIBERA PROMESSA

I cittadini di Paderno Dugnano aspettando da Settembre che L’Amministrazione Comunale inserisca in una delibera l' idea del CCIRM , un progetto migliorativo per diminuire l' inquinamento lungo il perimetro del mostro a 14 corsie nel tratto di Paderno Dugnano.
Dall' articolo pubblicato oggi dal Corriere della Sera e da altri quotidiani scopriamo che non solo i nostri polmoni sono a rischio ma anche il nostro cervello, chissà se nelle intenzioni e speranze di qualcuno ci sia quella che il CCIRM ed i cittadini di Paderno Dugnano perdano la memoria !!!
E' preoccupante costatare che a tutt'oggi, nonostante le promesse fatte in Commissione Territorio il 1/12/2016, la delibera di giunta non ha ancora visto la luce.

Vivere vicino a strade e autostrade
aumenta il rischio di demenza

Uno studio su 6,6 milioni di canadesi dimostrerebbe che i casi precoci di malattia crescono dal 7 al 12% fra gli abitanti delle aree entro 50 metri dal traffico pesante

di Luca Zanini / Corriere della Sera

Vivere vicino ad una autostrada o ad una arteria urbana molto trafficata aumentas il rischio di demenza precoce. Lo afferma una ricerca epidemiologica canadese pubblicata sull’ultimo numero della rivista medico-scientifica The Lancet: «Chi vive nel raggio di 55 yards (50 metri) da strade ad alto traffico ha dal 7 % al 12 % in più di probabilità di sviluppare la demenza, rispetto a chi risiede a oltre 300 metri dalle auto in coda». La notizia campeggia oggi sui principali quotidiani britannici, ma è stata ripresa dai media di tutto il mondo, fino in Australia.


Alzheimer, un caso su 10 in aree inquinate

«Almeno un caso ogni 10 di morbo di Alzheimer nelle aree urbane potrebbe essere associato al fatto di vivere in mezzo a traffico pesante», scrive The Guardian, anche se la ricerca dell’Ontario non afferma «che siano esattamente i gas di scarico a provocare casi di degenerazione neuronale». «Sappiamo che il grave inquinamento dell’aria vicina alle arterie urbane è un male per la salute pubblica — nota il professor Rob Howard, docente di Psichiatria della terza età allo University College di Londra, che ha collaborato allo studio canadese — e anche se questo ultimo studio non spiega se il picco di casi di demenza sia effetto diretto dello smog, resta il fatto che dobbiamo ripulire l’aria nelle nostre città»







mercoledì 4 gennaio 2017

Morto monsignor Capucci, per 40 anni voce dei palestinesi - Il ricordo del suo legame con Paderno Dugnano


Un ricordo particolare del Circolo LA MERIDIANA va a monsignor Hilarion Cappucci, scomparso l'altro giorno. A questo messaggero di pace nel medioriente e cittadino onorario di Paderno Dugnano va questo nostro ricordo, ripreso quando venne insignito della onorificenza a Paderno Dugnano. Testimone un nostro socio fondatore, Diego Spinello allora, nel 1989, consigliere comunale di opposizione.




Qui di seguito il documento pubblicato dal Notiziario Comunale nel 89 con il resoconto del Consiglio Comunale del 12 gennaio, in seduta aperta sul tema palestinese con la presenza di Monsignor Hilarion Capucci. Nella foto in basso insieme a Mons. Capucci, il sindaco Gianfranco Mastella e il Consigliere Comunale di minoranza Diego Spinello (DP).



Morto monsignor Capucci, per 40 anni voce dei palestinesi Arrestato nel 1974 in Israele con l'accusa di sostenere la resistenza palestinese e condannato a 12 anni di reclusione. Venne rilasciato dopo quattro anni, dopo aver accettato di stabilirsi definitivamente a Roma.
02 gennaio 2017 Si è spento poco dopo l'inizio del nuovo anno monsignor Hilarion Capucci, arcivescovo di rito greco-cattolico in esilio a Roma da oltre 40 anni. Nato ad Aleppo nel 1922 è stato un prete sempre vicino alla sofferenza della sua gente. Nel 1965 era stato nominato ausiliare dei greco melchiti di Gerusalemme e si è sempre battuto per la causa palestinese.  Venne arrestato nel 1974 in Israele con l'accusa di sostenere la resistenza palestinese. Secondo il governo israeliano gli trovarono armi nell'auto, ma da quest'accusa lui si è sempre difeso dicendo che le armi le avevano messe proprio per toglierlo di mezzo. Una corte militare lo condannò a 12 anni di prigione. Paolo VI si mosse discretamente in suo aiuto e nel 1978 venne rilasciato. "Rendo omaggio alla fermezza di tutti i prigionieri palestinesi che difendono il diritto del loro popolo di vivere in pace, senza occupazione e sofferenza. I miei saluti a tutti i prigionieri in sciopero della fame che combattono contro i loro torturatori e oppressori della libertà, della dignità e dell'umanità", scrisse in un documento del 2015 che rappresenta il suo testamento morale. "Ritornerò - promise in quelle righe - alla mia Gerusalemme molto presto. Ritornerò in una Gerusalemme libera. A Gerusalemme, la città della coesistenza, della pace e dell'unità sociale, dove la bandiera palestinese verrà alzata contro la politica di ebraicizzazione, deportazione, arresti e colonie". Nei 38 anni del suo esilio romano, monsignor Capucci ha continuato a battersi per l'indipendenza della Palestina e negli ultimi anni anche per la pace in Siria, presente ad ogni manifestazione pubblica, ad ogni conferenza, nei molti dibattiti e alla sua messa di domenica nella basilica di Santa Maria in Cosmedin a Roma. Alla camera ardente a Roma gli hanno reso omaggio l'ambasciatrice di Palestina Mai Alkaila, il presidente della comunità siriana in Italia Jamal Abo Abba e le rappresentanze dei movimenti per la Siria.

giovedì 22 dicembre 2016

AUGURI DI BUONE FESTE 2016 DAL CIRCOLO ECO CULTURALE LA MERIDIANA


E’ questo il momento per augurare a tutti i nostri soci, ai volontari, alle persone ed alle associazioni che hanno collaborato con noi in questo 2016, un sincero augurio di Buon Natale e sereno Anno Nuovo.  
Arrivati alla fine dell’anno ci voltiamo indietro per vedere le tracce del percorso fatto insieme, se si è costruito qualcosa di positivo, tangibile... 
E allora rivediamolo l'anno appena trascorso! 

In questo 2016 sono state riprese le iniziative storiche dei nostri 25 anni di attività. Con alcune novità! Il tutto è stato possibile grazie alla disponibilità e al lavoro dei nostri volontari, delle persone e associazioni che collaborano con il Circolo.

Ogni iniziativa rispecchia le finalità ed i valori per i quali è nata la nostra associazione: fornire occasioni di confronto e di riflessione per una società non più dominata  dalla  violenza e dall’ingiustizia ma ecologica,  laica, libertaria, basata sul rispetto dell’ambiente e della natura, sui  valori di democrazia,  uguaglianza, solidarietà tra le persone,  in modo particolare verso gli “ultimi”, i più deboli, i più indifesi, che valorizzi la serena convivenza tra le persone e tra i popoli del mondo, il rispetto dei loro usi e costumi, della loro dignità e cultura.

AUGURI DI BUONE FESTE 2016

Il Circolo Eco Culturale LA MERIDIANA

mercoledì 21 dicembre 2016

AUGURI DAL 25° IN POI - DJ set di Danze Popolari Venerdì 23 dicembre 2016 Ore 21

Il 23 dicembre 2016 presso Aci di Palazzolo Milanese 
il gruppo DANZE FOLK del Circolo Eco Culturale LA MERIDIANA
TI INVITA
al DJ set di Danze Popolari con Cristina Duci.
(orario e luogo nella locandina che trovate qui di seguito) 
Sarà l'occasione per scambiarci gli auguri e passare una serata in compagnia.
Non mancherà anche una bella sorpresa.
Sono gradite leccornie da bere e da mangiare.
Vi aspettiamo!


venerdì 16 dicembre 2016

Abbonaggio partigiano domenica 18 dicembre 2016 con il coro “QUESTO È IL FIORE DEL PARTIGIANO”

“ABBONAGGIO PARTIGIANO DI RADIO POPOLARE ALLA CASA DELLA MEMORIA DI MILANOorganizzata da RADIO POPOLARE MILANOin collaborazione con l’Associazione la Conta che avrà luogo, con ingresso libero e gratuito,  DOMENICA 18 DICEMBRE 2016 ALLA CASA DELLA MEMORIA, IN VIA CONFALONIERI, 14 A MILANO.
Programma della giornata:
DALLE ORE 9,30: Incontro: “I GAP A MILANO 1943-1945”  sulla storia del gappismo a cura di LUIGI BORGOMANERI e, a seguire, LE NUOVE DESTRE OGGI IN EUROPA E IN ITALIA” a cura di SAVERIO FERRARIper approfondire il percorso e l’evoluzione del neofascismo fino ai giorni nostri, il rapporto con le destre istituzionali, i caratteri specifici e i dati di continuità. Modera l’incontro Danilo De Biasio.
DALLE ORE 11,30: Abbonamenti a Radio Popolare, ritocchi, tessere, gadgets e, a seguire, canti della Resistenza con il coro “QUESTO È IL FIORE DEL PARTIGIANO

LA CASA DELLA MEMORIA  – MILANO
La Casa della Memoria, inaugurata il 24 aprile 2015 è sede dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), dell’Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi Nazisti (ANED), dell’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia (INSMLI), dell’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo(AIVITER) e dell’Associazione Piazza Fontana 12 dicembre 1969 Centro Studi e Iniziative sulle Stragi Politiche Anni ‘70.
La Casa della Memoria è stata voluta e ideata dal Comune di Milano, insieme ad alcune associazioni, per accogliere e raccontare la memoria cittadina: un luogo aperto a tutti coloro che si impegnano per preservare e diffondere la storia che ha reso Milano testimone e simbolo dei valori democratici, di libertà e di ripudio della violenza su cui si fonda il nostro Paese.
Essa quindi rappresenta oggi un nuovo spazio pubblico, dedicato anche ad attività culturali, di ricerca, formazione e dibattito sui temi legati a quella storia e a quei valori.

IL CORO “QUESTO È IL FIORE DEL PARTIGIANO”, nasce nel febbraio del 2013 su iniziativa del Circolo Eco-Culturale La Meridiana di Paderno Dugnano, della A.N.P.I. Sezione di Paderno Dugnano, del Circolo ARCI di Palazzolo Milanese e dell’Associazione La Conta con l’intento di cantare, valorizzare e mantenere vivi i repertori della Resistenza e del canto sociale. Formato da più di trenta elementi è diretto da Mario Toffoli dell’Associazione La Conta. Il coro si esibisce in concerti e recital in manifestazioni commemorative della Resistenza, in teatri e luoghi della solidarietà sociale.